Indicizzazione: come aumentare traffico al tuo sito

Scopri quali sono le migliori pratiche per scalare i motori di ricerca

L’indicizzazione e il traffico del sito Web vengono spesso citati come fattori tra i più importanti nel determinare il successo del marketing digitale.

Ad esempio, come per il commercio tradizionale è importante la location (la posizione del punto vendita), possiamo dire che il posizionamento ed il traffico sono tra le cose più importanti nelle prestazioni di un sito web.
Tuttavia, aumentare il traffico del nostro sito è spesso più facile a dirsi che a farsi.

Dopotutto, oggi ci sono miliardi di siti e milioni di post di blog vengono pubblicati in un solo giorno.

Come possiamo distinguerci tra tutti questi concorrenti?

Non scoraggiarti perchè è possibile, anche se si tratta di lavorare sodo, alla fine i risultati arriveranno..
Ti spiego tutto in questa guida che illustra una tattica ed una serie di metodologie efficaci per far crescere il tuo traffico in pochi mesi (circa sei mesi) con una guida passo-passo.

Ti spiegherò come indicizzare un sito, costruire un sito web correttamente, come creare un blog e perchè, e quali strategie di marketing sono le più prolifiche a partire dall’indicizzazione che poi porta traffico a patto che hai ottimi contenuti.

Cominciamo.

 

ATTRAI IL TUO PUBBLICO CON LE PAROLE CHIAVE

Il primo è il passo più importante e riguarda le keywords.

Ingegno, tecnica e arte si fondono in questa operazione di scelta delle migliori parole chiave adatte a generare il giusto e ampio traffico.

Per riuscire nell’intento di aumentare visite al sito bisogna scegliere le parole chiave con due obiettivi principali:

  • capire il tuo pubblico; sapere chi sono le persone giuste, cosa fanno, cosa pensano, a cosa sono interessate e perchè. Dunque che cosa cercano..
  • capire come i concorrenti si stanno avvicinando alla loro strategia di marketing.

La strategia SEO rimane uno dei modi più efficaci per creare traffico sul sito Web, per questo la ricerca di parole chiave è molto importante perchè offre visibilità su Google.

Allora scegli le giuste parole chiave target in base a questi tre principi:

  • La parola chiave deve essere pertinente per la tua attività, prodotto e / o servizio. A volte ci sono parole chiave che non sono così ovvie ma che possono essere una buona opportunità. Si tratta di parole attinenti al tuo business, che riguardano prodotti, effetti, problemi, gergo, soluzioni, ecc.
  • Le parole chiave devono essere pertinenti per il tuo pubblico, indicate da un volume di ricerca mensile elevato. Dunque domandarsi: che cosa cercano i miei clienti potenziali? Quali domande rivolgono a Google? Preparare tutte le risposte significa facilitare i motori a presentare il tuo sito, dunque i tuoi prodotti.
  • La parola chiave deve essere “accessibile”. Ci sono parole chiave “difficili” per il posizionamento Google. Significa che tutti le vogliono, sono le più ricercate, le più ambite perchè descrivono meglio particolari ambiti di affari. Per questo molte persone sono disposte a pagare cifre alte su Google Ads per averle e questo genera una altissima concorrenza. Per vincere la concorrenza bisogna offrire il prezzo più alto. Se hai budget, accomodati e straccia la concorrenza. Se non ce l’hai, allora devi cambiare strategia. Devi puntare sulle parole chiave che, invece, costano meno perchè le vogliono meno persone. Vincere la sfida utilizzando le parole chiave del primo gruppo è arduo. Più facile è tentare di spuntarla con parole chiave con concorrenza “bassa”.

Puoi utilizzare vari strumenti di ricerca delle keywords per aiutarti.

Il più noto è contenuto in Google Ads ed è gratuito e molto preciso: è lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google.

 

Più conosci il tuo “nemico”, meglio puoi pianificare la tua strategia.

 

INDICIZZAZIONE E COMPETIZIONE

Nel primo passo, abbiamo brevemente discusso di come dovremmo svolgere un’adeguata ricerca competitiva basata sulle parole chiave target.
Puoi farlo anche manualmente eseguendo una rapida ricerca su Google per le tue parole chiave target.

Dai un’occhiata alla prima pagina dei risultati per ogni keyword che vuoi utilizzare e studia i tuoi concorrenti. Ci sono tanti modi e mezzi per farlo: una profonda analisi Seo è necessaria per scoprire quali parole chiave stanno utilizzando i tuoi concorrenti, capire anche come investono in pubblicità e in che modo (quali parole chiave acquistano), come sono messi dal punto di vista dei backlink ecc…

Il tuo obiettivo è quello di creare un contenuto significativamente migliore rispetto a queste pagine

quindi analizza vari aspetti dalla loro qualità del contenuto, stile e tono, struttura, come usano le immagini, ecc.

È anche possibile adottare un approccio diverso e discutere l’argomento da un’angolazione unica — puoi persino non essere d’accordo con il contenuto e esprimere la tua tesi—.

Insomma domandarsi come aumentare le visite al proprio sito ha molteplici risposte ed una serie di attività meticolose da fare.

Oltre alla tecnica ci sono molte qualità da avere per scrivere testi interessanti e utili.

Occorre persino una buona dose di “arte”…

 

INDICIZZAZIONE DEI CONTENUTI STATICI E DINAMICI

Esistono due diversi tipi di contenuto in un sito Web.

CONTENUTI STATICI

Innanzitutto, c’è il contenuto statico – le informazioni “fisse” che sono sempre lì – come le pagine “chi siamo”, “i servizi”, le schede prodotto e così via. Il fatto è che se hai solo informazioni statiche nel tuo sito web, non dai motivi sufficienti agli utenti per farli tornare… Inoltre Google non “preferisce” i siti statici.

CONTENUTI DINAMICI

Quindi, ecco il secondo tipo: contenuto dinamico. Questi sono i contenuti che vengono aggiornati di volta in volta (ad es. i post dei blog) e servono per proporre nuove informazioni e motivazioni per ritornare a leggere. Dunque fidelizzare gli utenti.

Sia i contenuti dinamici che quelli statici hanno i loro scopi: l’idea è quella di sviluppare contenuti in base alle parole chiave target di cui abbiamo discusso sopra.

Una delle cose più importanti da ricordare è che l’ottimizzazione Seo dei contenuti per i motori di ricerca coinvolgono Google, Bing, Yahoo e altri ed ognuno di questi “ragiona” a suo modo.
Tutti però stanno diventando sempre più intelligenti, utilizzando logiche sempre meno tecniche e “meccaniche” e sempre più “umane” grazie all’intelligenza artificiale.

Il loro obiettivo è fornire i risultati di ricerca più pertinenti per il pubblico, quindi anche i tuoi contenuti devono avere lo stesso obiettivo: apportare più valore e pertinenza al tuo pubblico ideale.
Includi allora le tue parole chiave in modo naturale e concentrati sulla leggibilità, le informazioni, l’utilità, la godibilità ecc…

contenuti di qualità primi su google con il content marketing

 

AUMENTARE I BACKLINK

I backlink sono la merce di Internet. Pensa ai backlink, o ai link in entrata, come a un “voto elettorale”. Più backlink hai, più Google e gli altri motori di ricerca determineranno il tuo sito come pertinente e scalerai le classifiche, ottenendo un migliore posizionamento Google.

Più alto è il posizionamento sui motori di ricerca, maggiore sarà il tuo traffico. Questo è l’obiettivo principale della Seo: dare visibilità al proprio sito.
Per fare questo spesso è meglio rivolgersi ad un consulente Seo esperto.

Tuttavia, è importante capire che oggi la qualità è più importante della quantità.
Se si ottiene un backlink da un sito affidabile nel proprio settore, si ottengono più “voti” rispetto a 5 backlinks da siti di qualità inferiore.

In effetti, ottenere troppi backlink contemporaneamente potrebbe essere penalizzato da Google.

Cerca di ottenere da 2 a 3 backlink di alta qualità al mese sarebbe già un ottimo obiettivo.

Tuttavia, questa è forse la pratica più ardua da perseguire in maniera corretta (cioè evitando pericolose scorciatoie che potrebbero inficiare tutto il nostro lavoro).

Come ottenere i backlink?

Il modo più efficace è effettivamente avere un contenuto di alta qualità.

Se il tuo contenuto è buono, interessante e informativo, prima o poi otterrai backlink.
Tuttavia, anche il modo in cui promuovi il contenuto è importante.

Utilizza tutti i canali disponibili: dai social media agli influencer, investi in annunci a pagamento per promuovere i tuoi contenuti.

STRATEGIE DI SOCIAL MARKETING

Inserisci i link su tutti i social (attenzione perchè non tutti sono adatti a strategie Seo, per esempio Facebook non è adatto, mentre altri come Pinterest, Linkedin, Medium sì)
La promozione dei contenuti può portare a un traffico più organico perchè dà visibilità.

Ma i social che non hanno il tag “nofollow” possono essere utili anche per farti guadagnare punti con i backlink.

Per aumentare la popolarità del tuo sito (e dunque far migliorare l’indicizzazione) si può agire con scaltrezza e ingegno frequentando i vari gruppi sui social, vere community di persone interessate a specifici argomenti (scegli quelle attinenti alla tua nicchia).

Aprire un canale Youtube aiuta (Youtube è il secondo motore di ricerca più utilizzato al mondo…), puntare sui podcast è oggi vantaggioso.
Lavorare con gli influencer giusti può aiutare, così come agevolare recensioni inviando un prodotto in omaggio.

Anche le infografiche possono aiutare a generare più traffico in quanto possono diventare più facilmente virali e condivisibili.

Il nostro obiettivo principale è ottenere più backlink naturalmente e questo avviene comunque nel processo di crescita Seo del nostro sito con il progressivo aumento del traffico.

La pratica più comune per ottenere backlink è quella di cercare siti in linea con le nostre strategie di business e chiedere di inserire un nostro link, non prima, però, di aver valutato (per esempio attraverso Seozoom) se il sito gode effettivamente di una buona reputazione presso Google…

Di certo puntare su strategie Seo è ad oggi un investimento vantaggioso a medio e lungo periodo.

INDICIZZAZIONE E OTTIMIZZAZIONE

Ancora una volta, ci sono due obiettivi principali nell’ottimizzare gli aspetti tecnici del tuo sito:

  • soddisfare i motori di ricerca (assicurarsi che il tuo sito sia facile da indicizzare correttamente);
  • dare valore al pubblico “umano”.

Questo è un argomento molto ampio e tecnico e riguarda la struttura del sito web (qualità delle immagini, peso, tipologia di link, i titoli, i paragrafi, la leggibilità, i backlink, usabilità, mobile friendly, velocità del server, ottimizzazione Css e Java Script, ecc).

Anche qui ci sono alcune aree chiave su cui concentrarsi:

  • Ottimizza la velocità del tuo sito web. Più della metà degli utenti mobili fuggono dai siti che si caricano in più di 3 secondi. Il tuo sito deve essere velocissimo. Controlla qui la performance.
  • Assicurati che il tuo sito web sia ottimizzato per i dispositivi mobili e preferibilmente mobile-responsive
  • Fai in modo che il tuo sito web sia abbastanza facile da navigare.
  • Il tuo sito deve essere correttamente indicizzato da Google ottimizzando il file robots.txt e i reindirizzamenti (redirect)
  • Controlla regolarmente i collegamenti non funzionanti e correggili

 

INVESTI NELLA PUBBLICITA’ ONLINE

Possiamo considerarlo un passaggio facoltativo in base ai risultati generati dai passaggi precedenti.
L’idea di utilizzare la pubblicità a pagamento è di ridurre i tempi.

La pubblicità a pagamento e altri canali a pagamento possono praticamente generare traffico istantaneamente, purché tu abbia il budget. Questo significa velocizzare il processo di indicizzazione.

Trova il giusto equilibrio tra il budget pubblicitario pagato e il tempo investito. Farlo correttamente può massimizzare il traffico del sito Web generato in sei mesi.

La chiave della pubblicità a pagamento online è il targeting : più specifici puoi indirizzare il pubblico giusto, più le tue campagne saranno efficienti in termini di costi e più conversioni otterrai.

DENTRO E FUORI L’INDICIZZAZIONE

Ci sono poi altre pratiche che favoriscono l’indicizzazione e l’aumento del traffico sul nostro sito web.

Per esempio ci sono regole prettamente “tecniche” per i titoli (specifiche per la Seo) ma ci sono anche regole per scrivere un buon titolo, che sia accattivante, immediato, che incuriosisca, che non passi inosservato, che sia diverso dagli altri e soprattutto che spinga all’azione (il clic).

L’insieme di ingredienti tecnici legati alla Seo con quelli tecnici legati al marketing e al giornalismo creano il giusto mix per aumentare il traffico web.

Punta sulla newsletter fin da subito e costruiscila con il tempo. Riuscire a veicolare i giusti contenuti via email contribuisce ad aumentare il traffico ed il posizionamento Google grazie all’aumento dell’autorità del sito. Nel caso e ove possibile anche scambiarsi i contatti con blogger della propria nicchia può essere molto utile.

Aumentare il traffico può dipendere da moltissimi fattori come per esempio la visibilità che arriva da altri canali.

Collabora con giornali e riviste, dotati di un ufficio stampa o impara a scrivere comunicati stampa (attenzione perchè non si tratta di imparare l’italiano ma la grammatica del giornalismo ed i suoi segreti) e solo così potrai sperare di spuntare una pubblicazione.

Che sia sul web (con o senza link) o su carta, di sicuro un articolo su un giornale darà visibilità e genererà interesse e curiosità. Ovviamente il massimo è avere un link diretto al tuo sito da testate autorevoli (per Google).

Conclusione

Mettendo in pratica tutti i passaggi illustrati puoi aumentare significativamente il traffico del tuo sito web, dunque la sua “autorità”. 

Questo migliorerà sensibilmente l’indicizzazione.

La chiave qui è mantenere la coerenza e perseguire con costanza le tue strategie Seo che hai pianificato all’inizio.
Quindi, monitora regolarmente i tuoi progressi, valuta i dati con Google Analytics e ottimizza di conseguenza la tua strategia.

SmartAds.it aiuta a migliorare l’indicizzazione dei siti e la loro popolarità attraverso la creazione di contenuti di qualità seo oriented per popolare blog aziendali e fare content marketing.

Se vuoi saperne di più non esitare a contattarci anche su WhatApp

 

Leave a Reply

Facebook Twitter Linkedin Instagram Pinterest