Come costruire un pacchetto turistico dopo il Covid?

Prima disegni il tuo pacchetto turistico e, poi, pensi a venderlo? Fai l’errore più comune e banale

Come costruire un pacchetto turistico dopo il Covid?
Molti agenti di viaggio e tour operator ormai da diversi mesi si stanno domandando come realizzare un pacchetto turistico per affrontare al meglio la ripartenza del turismo dopo il Coronavirus.

Questa guida è frutto anche delle esperienze di consulenza web marketing per tour operator e agenzie viaggi. Molto spesso, infatti, si fa l’errore più comune e più ingenuo di tutti: prima penso alla creazione del pacchetto turistico e poi penso a venderlo…

Una buona strategia imprenditoriale vincente dovrebbe, invece, basarsi su ricerche di mercato, analisi, test. Poi da questi estrapolare dati che possano dare indicazioni precise su cosa vogliono i viaggiatori e come creare pacchetti turistici. Dai dati capire i bisogni da soddisfare con la tua offerta.

Non ti pare più logico così?

In ogni caso sui pacchetti turistici abbiamo scritto molte altre guide. Dovresti prima di tutto capire che è possibile creare ottimi pacchetti di viaggio senza abbassare il prezzo. Ingaggiare la guerra dei prezzi è forse davvero la cosa più stupida da fare (oltre che essere suicida…).
E’ una questione anche di brand positioning per agenzie viaggio e tour operator.

COME COSTRUIRE UN PACCHETTO TURISTICO DOPO IL CORONAVIRUS?

Allora cosa deve contenere un pacchetto turistico?

Sono tante le cose da tenere in considerazione che ti elenco spiegandoti quali riflessioni dovresti fare prima di preoccuparti di altro.

LE NUOVE ESIGENZE

E’ importante che tu possa riflettere sulle nuove esigenze che hanno i tuoi specifici clienti. Devi considerarli prima come gruppo omogeneo (per esempio: “giovani viaggiatori”, “famiglie”, “pensionati”) e domandarti se a livello di categoria sono intervenuti cambiamenti sensibili dopo la pandemia. Puoi trovare la risposta parlando direttamente con i tuoi clienti o costruendo un dialogo profondo anche attraverso i social.
Devi, poi, valutare eventuali esigenze specifiche dei singoli clienti che possono voler stravolgere anche precedenti abitudini.
Cerca dunque quali sono le nuove esigenze dei tuoi clienti e trova le migliori soluzioni per loro.

FLESSIBILITA

Costruire pacchetti turistici dopo la Pandemia significa essere per forza di cose flessibili. La flessibilità delle condizioni contrattuali, per esempio, è un’arma potente per abbattere dubbi e incertezze dei nostri tempi legati per lo più alle conseguenze del virus.
La progettazione di un pacchetto turistico granitico e non flessibile è un errore perchè si farà fatica a venderlo, anche se si applicasse il miglior marketing per tour operator.
E’ una questione di fondamenta, di struttura, insomma di qualità del prodotto…
Flessibilità significa anche adeguarsi e adattarsi. I viaggi che vendi sono flessibili?

Non improvvisare e non fare scelte a caso: avere strategie precise agevola il successo.

MODULABILITA’

L’ideazione di un pacchetto turistico modulabile implica la possibilità di togliere e aggiungere servizi, giorni di permanenza, costi, persone ecc. E’ una offerta che avrà maggiore probabilità di successo e di vendita. Come costruire un pacchetto turistico dopo il Covid? Modulabile è la risposta.

DIVERSO

E’ vero ,ormai abbiamo visto tutto ma sforzarsi di essere originali, diversi, magari unici, di sicuro aiuta a vendere viaggi e pacchetti turistici. Considerando anche fattori economici e la crisi globale innescata dalla pandemia è plausibile pensare che le risorse finanziarie per molte famiglie siano molto più scarse di un tempo. Questo non significa che non viaggeranno ma che cercheranno il “viaggio perfetto” che valga il sacrificio della spesa (e per loro è una spesa importante).
Un viaggio come mille altri?
No grazie.

QUALITA’

A proposito di qualità questa non deve mai mancare e deve essere anche maggiore di quella di un tempo. Se la tua offerta è di qualità ha ragioni di esistere, altrimenti sarà superflua e destinata a perire. La concorrenza è aumentata ed i nuovi viaggiatori pretendono esperienze sicure e uniche.
Ma cosa si intende per qualità?

Per esempio che nulla sia lasciato al caso, limitare al massimo gli imprevisti, accontentare sempre i clienti, soddisfarli al meglio. E poi farli sentire speciali e assisterli con calore sempre e comunque. Un pacchetto turistico da catalogo immodificabile, non modulabile o modellabile avrà sempre un valore inferiore di un vero viaggio su misura.
In tutta sincerità tu vendi viaggi di qualità?

TENDENZE

Seguire le nuove tendenze sì ma apportando una buona percentuale di originalità.
Che significa?
La tendenza che si preannuncia predominante nel prossimo futuro è il turismo di prossimità ed in ogni caso le vacanze in Italia nel 2021. Ma è possibile offrire qualcosa di nuovo, originale, stimolante, indimenticabile provando a appagare più bisogni nati dall’incubo del Covid?
La risposta è decisamente sì e sta alla tua professionalità pensare ai dettagli.

NATURA

Il Covid ci ha costretti in casa ed ora è tempo di riconciliarsi con la natura.
Chi viaggia vuole stare il più possibile all’aria aperta anche perchè è un luogo più sicuro se si pensa a possibili contagi.
Le caratteristiche di un buon pacchetto turistico nel 2021 e di certo anche nel 2022 sono senza dubbio la componente “natura”. Mi riferisco ad esperienze all’aperto, con piccoli gruppi dove prevalga anche la socialità (dobbiamo recuperare i rapporti e la normalità) facendo esperienze non comuni. Si tratta di strategie marketing 2021 che dureranno anche per gli anni futuri.

STRUTTURE RICETTIVE

Il Coronavirus ha portato ad una certa diffidenza e difficoltà per alcune strutture ricettive dove sembra avvertirsi di più la paura degli assembramenti.
Per questo già dal 2020 si è assistito all’impennata delle case in affitto o alle soluzioni alternative: campeggio, glamping, camper, barca. La costruzione di un pacchetto turistico deve necessariamente tener conto di questi fattori.

E’ tempo di approfondire la conoscenza del Web: è questione di vita o di morte (della tua azienda).

MEZZI DI TRASPORTO

Viaggiare in aereo sarà ancora per un pò difficile, ostico, incerto per varie ragioni. Una buona organizzazione di un pacchetto turistico deve prevedere ampie soluzioni che escludano l’utilizzo di aerei. Tieni presente anche che -se non adeguatamente pubblicizzati e comunicati- potrebbe essere ostico anche vendere viaggi di gruppo in pullman.

Allora come costruire un pacchetto turistico valido e interessante?

Senza dubbio prevedere la soluzione di mezzi di trasporto propri è l’opzione ideale. In casi estremi -e solo per ottime ragioni- si potrebbe optare per il treno.

Oppure ideare pacchetti viaggi su misura pensati per esaltare la libertà e la natura: viaggi avventura, scalate, viaggi in vespa o in moto, viaggi in bici (o e-bike), crociere in barca a vela.
Tutte soluzioni che potrebbero risolvere l’obiezione e la diffidenza verso il gruppo in aggregazione di estranei. Ma se offrissimo queste esperienze a famiglie o gruppi di amici la cosa potrebbe cambiare… Ecco come vendere viaggi in maniera intelligente.

TURISMO SOSTENIBILE

Magari oggi può sembrare prematuro ma di sicuro nei prossimi mesi il turismo sostenibile sarà quello preferito e di sicuro anche l’ultimo a scomparire.
I problemi ambientali e l’ultimatum che ci siamo dati con il persistente inquinamento (si parla di 40 anni) imporranno restrizioni e leggi che influenzeranno il turismo non sostenibile. Meglio anticipare i tempi e percorrere la strada migliore.

PREZZO

Come si calcola il prezzo di un pacchetto turistico? Se hai letto fin qui sai che dovresti valutare tutto il discorso e le caratteristiche proposte. Se la tua offerta è davvero perfettamente allineata con la maggior parte di queste tendenze allora puoi tranquillamente puntare a prezzi medio-alti. La qualità si paga mentre la qualità presunta uccide.
Ricorda che ogni pubblico ha il suo prezzo: tentare di mantenerlo basso a tutti i costi potrebbe persino essere squalificante.

COMUNICAZIONE E MARKETING

Come detto oggi potrebbe essere un errore fatale costruire un pacchetto turistico senza pensare all’aspetto “social” della comunicazione e marketing del prodotto.
Può essere molto importante prima di creare il tuo pacchetto viaggi interpellare il tuo esperto marketing di fiducia per sapere cosa fare. I professionisti del web marketing per agenzie di viaggi e tour operator hanno l’opportunità di accedere a dati che possono fornirti indicazioni utili per capire le tendenze dei nuovi viaggiatori.

I Big Data possono fornire indicazioni, aiuto, spunti originali. Soprattutto possono favorire l’incontro tra domanda e offerta. Se per esempio i dati vedono in calo una determinata esperienza, una determinata meta, un determinato servizio o sistemazione, sfidarli potrebbe costare caro…
Dunque, una buona strategia di business è sicuramente propedeutica ad un buon piano di marketing di un pacchetto turistico. Le proposte di viaggio ed i pacchetti costruiti con i dati hanno sicuramente maggiori possibilità di successo.
Significa guadagnare di più e spendere di meno in pubblicità e marketing e aumentare Roi e Roas.

Se vuoi sapere come pubblicizzare un pacchetto turistico dopo il Covid ti consiglio questa guida 

come costruire u pacchetto turistico dopo il covid

Ecco qualche esempio di un pacchetto turistico o tipologia di viaggio:

  • turismo di prossimità: esplorare i luoghi a te più vicini;
  • pescaturismo: rientra nel turismo esperienziale ma di sicuro è una idea originale che potrebbe stimolare un certo tipo di persone. Se l’esperienza è ben congegnata potrebbe rimanere davvero nel cuore;
  • turismo rurale: agevolare la fruizione turistica dei beni naturalistici, ambientali e culturali del territorio rurale extraurbano;
  • tour in città o aziende agricole (fattorie, cantine, frantoi, allevamenti tipici e particolari);
  • turismo sostenibile: viaggiare proteggendo territori e popolazioni locali accrescendo il loro benessere;
  • gite organizzate in piccoli gruppi alla scoperta della bellezza e delle tradizioni;
  • scoprire e creare itinerari del circondario (mare, montagna, paesi);
  • turismo esperienziale: creare una connessione profonda con la sua storia, la popolazione e la cultura attraverso esperienze immersive e coinvolgenti;
  • vacanze in appartamenti: chi vuole assicurarsi le vacanze andrà sul sicuro cercando appartamenti e case vacanze in affitto che garantiscono un buon livello di sicurezza;
  • turismo enogastronomico: ormai decollato da un pò;
  • settimane bianche in formula nuova ed in località meno battute;
  • turismo verde o turismo naturalistico: la natura e gli spazi ampi sono più che indicati in questo periodo;
  • gite in pullman (ma a metà carico), un pò più difficoltoso da vendere per le tante misure anti-Covid.

 

Il Web “regala” una quantità di dati incredibile: sono una vera e propria miniera d’oro da sfruttare.

COME COSTRUIRE UN PACCHETTO TURISTICO DOPO IL CORONAVIRUS: CONCLUSIONI

Spero di averti illustrato al meglio come costruire un pacchetto turistico post Covid.
Allora se anche tu credi che prendendo decisioni a caso ci si faccia molto male, allora diventa consapevole, informati, studia e approfondisci tutti i temi e gli strumenti che il web e la tecnologia mette a disposizione.

Ricordati di mettere al centro le strategie di marketing per tour operator, la pianificazione, la logica delle scelte ed il rischio calcolato.

La tua azienda potrebbe giovarne.


    HO BISOGNO DI CONSULENZA SU:

    Leave a Reply